TT1 1.55 M ALTAZ ROBOTICS TELESCOPE


Vai ai contenuti

Immagini Infiltrazioni

Il buon senso vorrebbe che una volta che una struttura, scientifica, sia stata realizzata questa venga manutenuta con un minimo di spesa annuale e molto raziocinio. Se così non è, dopo alcuni anni, i lavori finiscono per essere classificati come lavori di manutenzione straordinaria, con cosrti superiori e risultati ovviamente non comparabili con quelli ottenuti nel tempo con costanza e dedizione.
La manutenzione ordinaria, effettuata con criterio, garantisce l'affidabilità funzionale delle opere nonchè il loro stato di conservazione. Solitamente il costo della manutenzione ordinaria non supera il 2% del valore dell'opera. Nel caso dell'osservatorio di Castelgrande con una cifra che si aggira intorno a 5-10kE anno, è possibile non solo manutenere ma anche integrare la cupola e gli ausiliari con nuovi dispositivi e effettuare periodicamente la sostituzione delle parti e componenti usurate o obsolete.

Normalmente i Comuni installano, quando possono, osservatori astronomici che rappresentano un fiore all'occhiello di cui vanno fieri. Molti sono gli esempi in Italia e all'estero di osservatorio che possono esere sfruttati non solo per la ricerca ma anche per il turismo. Molti li seguop anch'io come esperto del settore sia in Italia che all'estero.

Ma esistono anche dei casi, come per Castelgrande, in cui non ci si rende conto della fortuna ereditata. Questo discorso è tanto più vero quanto più un sservatorio è professionale. Purtroppo in alcuni casi, come a Castelgrande, evidentemente si ritiene inutile, sia a livello locale che nazionale, una struttura altamente professionale che ospita l'unico telescopio altazimutale italiano da 1.6m di diametro provvisto di spettrografo e anche robotizzato. Si ritiene quindi inutile una struttura realizzata con enormi sacrifici e tutto ciò che da questa deriva e potrebbe derivare in termini di immagine e risultati scientifici e tecnologici.
Si configura un danno oggettivo al patrimonio dello Stato, all'opera tencico scientifica ed a all'ingegno.

Cliccare sulle diapositive per ingrandirle e leggere la didascalia. Le diapositive riportate sono solo alcuni esempi dello stato delle infiltrazioni attualmente presenti, documentate e sottoposte all'ìattenzione dell'organo di gestione.

Clicca qui per scaricare la relazione sulle attività di ripristino da svolgere.

Cerca

Torna ai contenuti | Torna al menu